Nella Vallesinella ci sono le cascate

Uno scenario meraviglioso aspetta a chi viene a visitare la Vallesinella. Io mi ci sono recata poco fa per fare un tour trekking alle tante cascate della valle. Che meraviglia!

Un gruppo di amici mi ha invitata di raggiungerli per un’escursione nella Vallesinella dove ci sono delle cascate meravigliose. E quindi mi sono recata al rifugio Valllesinella dove ci siamo incontrati tutti per iniziare l’escursione. La lunghezza è considerevole, quasi 10 chilometri, che dovremmo fare intorno a 5 ore. Invece il dislivello non è troppo, intorno a 700 metri. Questi i dati per il nostro giorno in montagna.

Iniziamo la nostra salita verso le Cascate Alte di Vallesinella che raggiungiamo dopo meno di una mezz’ora. Sulla via vediamo una segnalazione che ci sono anche degli orsi, ma non ne abbiamo visto uno. Il piccolo torrente che scorre vicino per la maggior parte della nostra ‘passeggiata’ è il fiume Saccra – che cosi non ci appare tanto grande.

Quando arriviamo alla prima cascata siamo meravigliati della sua bellezza. Un vero incanto. In particolare perché sopra passa anche un piccolo ponticello di legno. Molto suggestivo!

Anche le cascate seguenti sono a mozzafiato, come di un altro mondo, una favola. Sono circondati da un bosco vigoroso che dà la perfetta luce a questo luogo mistico.

Proseguiamo fino alla Malga Alta di Vallesinella e poi sul sentiero 317 b verso il rifugio Casinei. Il sentiero è un po’ rigido ma, con una condizione abbastanza buona, niente da pensarci.

Il rifugio Casinei è molto accogliente, ci facciamo una breve pausa, chi beve un caffé, chi deve usare il bagno. Mentre aspettiamo ci godiamo la vista sul ghiacciaio dell’Andamello, le Dolomiti di Brenta.

Dopo ci avviamo sul sentiero 317 verso i rifugi Tuckett e Quinto Sella.

Lasciamo il bosco, andiamo sulla roccia nuda e cruda, una vista splendida e libera. Raggiungiamo i rifugi che si trovano a oltre 2.200 metri sopra il livello mare. La vista è mozzafiato, alla Presanella, al Cevedale, al gruppo di Brenta, sopra la Val Rendena. Siamo come cosi spesso quando facciamo queste escursioni più impegnative meravigliati dalla nostra natura.

Per scendere scegliamo la segnalazione 328, prima tra rocce, poi tra prati. Dal rifugio Casinei scendiamo sul sentiero 317 direttamente verso il nostro punto di partenza.

Chi non vuole arrivare con la macchina oppure durante l’alta stagione non ci sono parcheggi al Rifugio Vallesinella trova una navetta da Madonna di Campiglio. Quest’escursione è ideale alla tarda primavera fino all’autunno inoltrato. Non è difficile ma non è nemmeno una passeggiata, un minimo di condizione è richiesta. Io ho trovato molto comodo di usare le stecche, anche se normalmente non ne uso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *